HOME > Aree Terapeutiche > Respiratorio > Broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO)
 

Autorizzo al trattamento dei miei dati personali ai sensi del D.L. 30 giugno 2003 n. 196
Campo email obbligatorio
Invalid email
Email Sent
Autorizzo al trattamento dei miei dati personali ai sensi del D.L. 30 giugno 2003 n. 196
Broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO)

La broncopneumopatia cronica ostruttiva è una patologia delle vie aeree e del parenchima polmonare, caratterizzata da ostruzione bronchiale persistente e solo parzialmente reversibile, causata da aumentata risposta infiammatoria cronica delle vie aeree a particelle nocive o gas. I sintomi che caratterizzano la broncopneumopatia cronica ostruttiva sono la tosse cronica, la dispnea e la produzione cronica di catarro. Il quadro sintomatologico del paziente può aggravarsi durante le riacutizzazioni.

Il meccanismo fisiopatologico alla base dell’ostruzione bronchiale di questi pazienti è duplice: da una parte si possono avere aumenti delle resistenze a carico delle piccole vie aeree che risultano infiammate con pareti ispessite, dall’altra si può innescare una progressiva perdita di parenchima polmonare con conseguente riduzione del ritorno elastico dei polmoni. I due fenomeni sopra descritti possono coesistere ed in ogni caso il risultato è la riduzione del flusso respiratorio.

Tra i fattori di rischio per l’insorgenza della broncopneumopatia cronica ostruttiva ne esistono di natura genetica, ma, in linea generale, i principali sono di natura ambientale. In primis va annoverato il fumo di sigaretta, ma ne esistono altri (inquinamento domestico, legato alla cottura dei cibi o al riscaldamento, inquinamento ambientale, esposizioni professionali). Sono stati poi identificati fattori di rischio secondari quali tra cui età, genere, status socio-economico, presenza di infezioni respiratorie o di asma o bronchite cronica. In genere la broncopneumopatia cronica ostruttiva è associata a maggior rischio di sviluppare comorbidità quali ad esempio malattie cardiovascolari, osteoporosi, diabete, tumore polmonare e bronchiectasie, che incrementano il rischio di ospedalizzazioni o di morte.

Differentemente dall’asma, la broncopneumopatia cronica ostruttiva insorge in genere in età adulta, poiché il suo sviluppo è dato da una costante e duratura esposizione ai fattori di rischio.1

1 goldcopd.com

ALTRE PATOLOGIE