Parma protagonista della Campagna d’informazione sull’Asma “Cambiamo aria”

HOME > Articoli > Parma protagonista...
 

Autorizzo al trattamento dei miei dati personali ai sensi del D.L. 30 giugno 2003 n. 196
Campo email obbligatorio
Invalid email
Email Sent
Autorizzo al trattamento dei miei dati personali ai sensi del D.L. 30 giugno 2003 n. 196
Data: 05/05/2017
  • Sabato 6 maggio, in occasione della Giornata Mondiale dell’Asma, specialisti pneumologi e allergologi saranno a disposizione dei cittadini in Piazza della Pace a Parma, dalle ore 10:00 alle ore 18:00, per fornire informazioni e offrire consulti gratuiti sull’asma.
  • Momento clou dell’iniziativa il Flash Mob per Haiti e numerose attività gratuite - educative e di intrattenimento -, per la salute del respiro dedicate a grandi e piccini.
  • L’iniziativa, realizzata con il contributo non condizionato di Chiesi Farmaceutici, è patrocinata dal Comune di Parma, dall’Università di Parma, dall’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma, dalla Società Italiana di Pneumologia, dalla Società Italiana di Allergologia, Asma ed Immunologia Clinica e da Federasma.

 

Parma, 5 maggio 2017 – Sabato 6 maggio, in occasione della Giornata Mondiale dell’Asma, Parma sarà protagonista di un’importante iniziativa di rilievo sociale dal titolo “Cambiamo aria”, campagna di sensibilizzazione realizzata con il contributo non condizionato di Chiesi Farmaceutici e patrocinata dal Comune di Parma, dall’Università di Parma, dall’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma, dalla Società Italiana di Pneumologia, dalla Società Italiana di Allergologia, Asma ed Immunologia Clinica e da Federasma.

 

Educazione alla salute e rispetto dell’ambiente saranno i messaggi chiave dell’iniziativa volta a promuovere la conoscenza dell’asma, dei suoi sintomi e dei fattori scatenanti, oltre che a sensibilizzare i cittadini sull’importanza di una diagnosi precoce: poiché l’asma non tocca tutti, ma un ambiente sano e pulito è fondamentale per la qualità del respiro del singolo e della collettività.

 

Il momento clou della giornata sarà il Flash mob per Haiti: alle 16:30 verranno liberati in cielo centinaia di palloncini. Chiunque potrà partecipare, sarà sufficiente registrarsi presso il gazebo di “Cambiamo Aria” (registrazioni a partire dalle ore 15). Per ogni partecipante verrà piantato un albero che contribuirà a creare la foresta di “Cambiamo Aria” ad Haiti. Lo stesso partecipante potrà, inoltre, seguire la vita dell’albero che avrà contribuito a piantare, dal vivaio fino alla foresta tramite il sito dedicato. Con un semplice gesto, insomma, sarà possibile contribuire a migliorare concretamente il respiro del mondo.

 

La giornata rivolta all’intera cittadinanza sarà inoltre dedicata a fare informazione sull’asma e sulla qualità del respiro. Sono previste diverse attività gratuite, sia per adulti che per bambini, anche attraverso il coinvolgimento di Associazioni locali. Dalle ore 10:00 alle ore 18:00 si terranno lezioni di respiro aperte a tutti, giochi d’aria e intrattenimento per i più piccoli. Inoltre, pneumologi e allergologi saranno a disposizione presso il gazebo dedicato all’iniziativa per fornire informazioni e consulti gratuiti sull’asma.

 

“Se diagnosticata tempestivamente e curata in modo appropriato, l’asma può essere gestita in modo ottimale, a tutto beneficio della qualità della vita della persona. Oggi infatti, più che in passato, grazie alle nuove terapie, una persona con asma può vivere appieno la propria vita familiare e lavorativa, oltre che sportiva. - afferma Raffaello Innocenti, Direttore Generale di Chiesi Italia, la filiale italiana del Gruppo Chiesi - Forti della nostra esperienza pluriennale nell’area respiratoria, abbiamo colto quest’iniziativa quale occasione per dare un messaggio positivo alla cittadinanza, ma anche per fornire un’informazione chiara e al contempo coinvolgente”.

 

 

L’asma è una malattia eterogenea, caratterizzata da infiammazione cronica delle vie aeree che si manifesta con una storia di sintomi respiratori come i sibili, la mancanza di fiato, senso di oppressione toracica e tosse variabili nel tempo. Si associa una variabile limitazione al flusso aereo espiratorio. È una patologia comune che può avere un impatto importante sulla qualità della vita di chi ne è affetto, perciò è fondamentale riconoscerla precocemente e tenerla sotto controllo. Nel mondo si stima una prevalenza fino al 18% nella popolazione di diversi paesi1.  Sono circa 300 milioni le persone che soffrono di asma, compresi adulti e bambini2. In Italia si stimano circa 3 milioni di asmatici, di cui 300mila gravi.3

 

 

Chiesi Italia

Chiesi Italia è la filiale italiana del Gruppo Chiesi, con sede a Parma e un profilo commerciale. Il suo maggior impegno è rivolto alle attività di informazione medico scientifica e commercializzazione dei prodotti Chiesi sul territorio italiano.

 

Il Gruppo Chiesi

Chiesi Farmaceutici è un gruppo internazionale orientato alla ricerca, con oltre 80 anni di esperienza e con sede a Parma. Chiesi ricerca, sviluppa e commercializza farmaci innovativi nelle aree terapeutiche respiratoria e della medicina specialistica. Nel 2016 l’azienda ha realizzato un fatturato di oltre 1,57 miliardi di Euro, in crescita del 7,0% rispetto al 2015. Il Centro Ricerche di Parma, i laboratori di Parigi (Francia), Cary (USA), Chippenham e Oxford (UK) e il team di R&D della controllata società danese Zymenex collaborano ai programmi pre-clinici, clinici e registrativi del Gruppo. Chiesi impiega oltre 4800 persone, 671 delle quali dedicate ad attività di ricerca e sviluppo.

Per ulteriori informazioni, vi invitiamo a visitare il sito www.chiesi.com

 

 

1 2017 GINA Report Global Strategy for Asthma Management and Prevention. http://ginasthma.org/2017-gina-report-global-strategy-for-asthma-management-and-prevention/

2 2017 Appendix to GINA Report. http://ginasthma.org/2017-online-appendix-global-strategy-for-asthma-management-and-prevention/ 20° Congresso Nazionale sulle Malattie Respiratorie “Asma Bronchiale e Bpco: nuovi obiettivi, nuovi rimedi, nuove strategie”, Gennaio 2017, Roma. Fonte: Ansa.it, http://www.ansa.it/saluteebenessere/notizie/rubriche/medicina/2017/01/20/sanita-15-italiani-con-asma-e-bpco-1-su-6-sbaglia-terapia_b66a8b72-4e1a-4854-95ed-49bbe9f5e94f.html Ultima visita: 30 marzo 2017

20170506_110104