OsteoDay 2018: da domani riuniti a Parma i maggiori esperti nel campo delle malattie osteoarticolari

HOME > Articoli > OsteoDay 2018: da...
 

Autorizzo al trattamento dei miei dati personali ai sensi del D.L. 30 giugno 2003 n. 196
Campo email obbligatorio
Invalid email
Email Sent
Autorizzo al trattamento dei miei dati personali ai sensi del D.L. 30 giugno 2003 n. 196
Data: 19/04/2018

Parma, 19 aprile 2018 – Si apre domani a Parma la X edizione dell’OsteoDay, appuntamento annuale che vedrà riuniti più di 100 specialisti tra ortopedici, fisiatri e reumatologi, per fare il punto sulle strategie di prevenzione e cura dell’osteoporosi, malattia delle ossa che colpisce circa 4,5 milioni di italiani, dei quali 2 su 3 sono donne. La patologia, in costante aumento a causa del progressivo invecchiamento della popolazione [1], in Emilia Romagna interessa il 21,4% della popolazione sopra i 65 anni. [2] La due giorni parmense è realizzata con il patrocinio dell’Università di Parma e il contributo di Chiesi Italia, la filiale italiana del Gruppo Chiesi.

 

L’osteoporosi è causata da un progressivo indebolimento del tessuto che compone le ossa, con conseguente aumento della fragilità dello scheletro e del rischio di fratture, anche a seguito di minimi traumi. A causa dell’osteoporosi, in Italia si stimano ogni anno 90mila fratture a carico del femore, che colpiscono gli over 50, mentre oltre il 20% degli ultra 65enni di entrambi i sessi è interessato da fratture vertebrali. [1] In Emilia-Romagna si registrano oltre 6mila fratture all’anno dovute a fragilità ossee. [3] Nella maggioranza dei casi, queste complicanze causano perdita di autonomia e aumento del rischio di mortalità e di ospedalizzazione, con importanti implicazioni sanitarie ed economiche.  

 

Le fratture sono la conseguenza più frequente dell’osteoporosi e costituiscono, tra gli anziani, una delle maggiori cause di mortalità, la cui incidenza è sovrapponibile a quella per ictus e carcinoma mammario”, spiega Bruno Frediani, professore associato di Reumatologia all’Università di Siena e responsabile scientifico dell’evento. “I trattamenti disponibili, in particolar modo i bifosfonati che costituiscono la classe di farmaci più utilizzata – continua l’esperto – sono finalizzati alla riduzione del rischio di frattura, rallentando il progressivo riassorbimento dell’osso. Rivestono inoltre un ruolo fondamentale, soprattutto nei soggetti a rischio come le donne in menopausa, la diagnosi precoce e la prevenzione che si attua con un corretto stile di vita: praticare un’adeguata attività fisica, smettere di fumare e, dove opportuno, suggerire l’utilizzo di integratori alimentari a base di calcio e vitamina D”.

 

Nel corso dell’evento sarà dedicato un focus anche all’artrosi, patologia spesso associata all’osteoporosi, che provoca un deterioramento della cartilagine che permette il movimento delle articolazioni, causando dolore e difficoltà di movimento. L’artrosi interessa il 30-35% della popolazione, in particolar modo dopo i 65 anni.

 

Si tratta di patologie con un alto costo sociale, per il forte impatto sulla vita quotidiana e il rischio di disabilità”, commenta Raffaello Innocenti, Direttore Generale di Chiesi Italia, filiale italiana del Gruppo Chiesi. “Da dieci anni – continua – sosteniamo questo importante appuntamento che porta nella nostra città i maggiori esperti in ambito osteoarticolare che hanno la possibilità di confrontarsi in sessioni plenarie di aggiornamento, ma anche in laboratori pratici. Il successo di questo evento è stato decretato proprio dalla capacità di innovarsi e adattarsi per rispondere alle esigenze di pratica clinica che gli specialisti incontrano quotidianamente nel loro lavoro sul territorio e con il paziente”.

 

# # #

Riferimenti bibliografici

[1] Linee guida per il trattamento dell’osteoporosi SIOMMMS 2016

[2] Indagine Istat “La salute e il ricorso ai servizi sanitari”, anno 2013

[3] Documento di indirizzo per l’organizzazione dell’assistenza integrata al paziente anziano con frattura del femore, Assessorato Politiche per la Salute Regione Emilia-Romagna, 2013