HOME > Aree Terapeutiche > Neurologia > Malattia di Huntington
 
as.png am.png axl.png
print.png
print.png

Autorizzo al trattamento dei miei dati personali ai sensi del D.L. 30 giugno 2003 n. 196
Campo email obbligatorio
Invalid email
Email Sent
Autorizzo al trattamento dei miei dati personali ai sensi del D.L. 30 giugno 2003 n. 196

Malattia di Huntington

La Còrea di Huntington o anche Malattia di Huntington è una malattia degenerativa ereditaria, autosomica dominante. Il quadro clinico ingravescente che deriva dalla degenerazione progressiva di alcuni nuclei della base e di alcune aree corticali è caratterizzato da movimenti involontari (detti “coreici” dal termine greco còrea che significa danza) e alterazioni delle capacità cognitive e del tono dell’umore.

La Malattia di Huntington può essere trasmessa da un genitore ai figli con una probabilità del 50%.

La causa della Malattia di Huntington è un errore genetico su un gene che codifica per una proteina ubiquitaria chiamata Huntingtina, gene posizionato sul braccio corto del cromosoma 4 in cui l’errore consiste in una ripetizione eccessiva della sequenza CAG che codifica per l’aminoacido glutammina.
La frequenza della malattia può variare a seconda delle popolazioni ed è mediamente di circa 5-10/100.000 nati. La Malattia di Huntington si manifesta con i primi sintomi non motori di solito intorno ai 35-40 anni, ma l’insorgenza  può essere molto variabile a seconda del numero di triplette presenti nel gene modificato; in alcuni casi la malattia si manifesta in età giovanile (20 anni, còrea giovanile).

La sopravvivenza può variare tra i 10 e 20 anni e non esistono ad oggi terapie in grado di curare o prevenire la comparsa della malattia, ma solo farmaci sintomatici in grado di tenere sotto controllo i sintomi motori e psichiatrici che caratterizzano la Malattia di Huntington.

ALTRE PATOLOGIE